Settimanale, anno 11 - n. 51
Ven, 19 Luglio 2019

Recensioni >> Baby Blue - Come!

Baby Blue è un quartetto che arriva da Prato, con alle spalle 4 anni di attività, premi, riconoscimenti, tantissimi concerti, demo e un Ep. Il loro album di debutto si chiama Come! (dall'inglese to come) ed è stato prodotto dall'onnipresente Paolo Benvegnù. Le canzoni di questo lavoro sono scritte da Mirko Maddaleno, chitarra e aiuto voce, e cantate da Serena Altavilla.
Sicuramente, per il buon lavoro live svolto, i
Baby Blue sono da un po' come degli osservati speciali in attesa della prova del primo disco. La band toscana si esprime con note di marcato timbro rock USA, coglie l'attitudine sperimentale dal panorama underground e rielabora in maniera molto omogenea i diversi umori della composizione.
Gli strumenti e la voce vengono spesso battuti, tirati, spinti al limite senza mai perdere di vista il sentiero melodico tracciato dalla scarna scrittura. L'improvvisazione sembra avere un ruolo importante e i 4 musicisti sanno governare con maestria e sano affiatamento l'isterica passionalità che circola nell'aria.

Suga, la prima traccia, è una perfetta auto presentazione agli ascoltatori, da una dolce e accattivante cantilena si passa a dissonanze e ritmo spezzato. Segue Far from home e ci si scatena in un crescendo di umori trascinante. Si passa al bellissimo crossover funk, rock, di Miss dove il gruppo tira fuori tutta la sua bravura messa al servizio delle emozioni. 
I continui cambi di umore, di ritmo emotivo, tengono l'ascoltatore attaccato alle cuffie, divertono. E in questo scenario la voce di Serena corre al fianco del chitarrismo a volumi alti di Mirko, producendo una sorta di blues stralunato e su di giri. Il debutto dei Baby Blue è bello, originale e renderà felici quegli ascoltatori attenti alle nuove emozioni.

Claudio Donatelli   (29.03.09)

Guardate il video di Silently, tratto da Come!